Macromedia Flash non installato

Porto Santo Stefano e Dintorni

Porto Santo Stefano

Antico borgo marinaro affacciato su una splendida baia, è oggi rinomata e prestigiosa località turistica dell’Argentario, che si fregia ormai da diversi anni della Bandiera Blu, prestigioso riconoscimento conferito dalla FEE (Foundation for Environmental Education) alle migliori località costiere europee. E’ il principale centro dell' Argentario e si estende lungo le pendici del promontorio sino al mare. Il fulcro del paese è rappresentato dal Piazzale dei Rioni (poco distante dal nostro hotel), sul cui tratto di mare antistante (denominato Arena del Turchese) si svolge ogni 15 Agosto la più importante manifestazione dell'anno: il Palio Marinaro dell'Argentario, competizione remiera dove 4 battelli, rappresentanti i rioni del paese, si contendono la vittoria lungo un massacrante percorso di 4000 metri effettuando 5 girate al largo e 4 verso terra. Per questa occasione tutto il paese si riempie di suoni e colori coinvolgendo sia i paesani che i turisti, pronti a sfilare nei cortei di ciascun rione cimentandosi in divertenti travestimenti e coreografie . Altri luoghi di attrazione turistica sono la Fortezza Spagnola del 1600, il suggestivo lungomare progettato da Giugiaro per piacevoli passeggiate serali e l'Acquario Mediterraneo dell'Argentario con il Centro Didattico di Biologia Marina. Altro centro dell'Argentario è Porto Ercole, con le caratteristiche viuzze del suo centro storico e le due costruzioni storiche: il Forte Stella (del '600) e la Rocca Aldobrandesca (di epoca medievale).

La strada panoramica che circonda il promontorio dell’Argentario ci permette di ammirare un paesaggio di rara bellezza, impreziosito da scogliere a picco sul mare interrotte dalle splendide spiagge di Cala Cacciarella, Cala Grande, Cala Piccola, Cala del Gesso, le Cannelle, raggiungibili tramite sentieri che si snodano dalla strada principale o più semplicemente via mare. Il nostro litorale è un vero paradiso per gli appassionati di subacquea o anche per i semplici amanti dello snorkeling: tutto il promontorio dell'Argentario, le isole di Giglio e Giannutri offrono paesaggi indimenticabili e fondali limpidi e puliti: una tappa irrinunciabile della vostra vacanza all’Argentario.

Il punto più alto dell'Argentario è rappresentato da Punta Telegrafo, da cui si gode una stupenda vista panoramica che spazia dalla laguna di Orbetello al tombolo di Giannella fino alle Isole di Giglio e Giannutri . Numerosi sono gli sport praticabili durante le vostre vacanze: per gli appassionati di trekking e mountain bike ci sono i lunghi sentieri da percorrere presenti in tutto il promontorio, per gli amanti della vela c'è la possibilità di seguire specifici corsi organizzati dai Circoli Velici; chi lo desidera potrà anche noleggiare wind-surf, barche a vela o motore. Da non dimenticare è l'impianto golfistico dell'Argentario, che si snoda su un percorso di 18 buche all'interno della sua splendida area naturale.
Tutta la Maremma offre una grande varietà di escursioni in un ambiente incontaminato ed unico; in un raggio di 70 chilometri potrete visitare: il misterioso mondo dei popoli antichi Etruschi e Romani con le loro necropoli ; centri termali quali Saturnia e Petriolo; gli spettacoli dei Butteri (i cowboy della Maremma); le città del tufo Pitigliano e Sovana; il borgo di Capalbio e lo splendido Giardino dei Tarocchi con le sculture originali di Niki de Saint-Phalle. Infine sono facilmente e rapidamente raggiungibili Roma, Firenze, Siena e Pisa.

Parco Naturale della Maremma

In Maremma le riserve, i parchi e le oasi occupano circa 40.000 ettari e sono parte integrante di un territorio che si contraddistingue per la varietà e la ricchezza dei suoi ambienti naturali.

Il più conosciuto è il Parco Naturale della Maremma, che si estende per circa 100 kmq e comprende il tratto costiero della Maremma toscana dal promontorio di Talamone fino alla foce del fiume Ombrone, ed è delimitato verso l'interno dalla via Aurelia. Per visitare il parco si possono scegliere una serie di percorsi a seconda della stagione della durata e della difficoltà. Gli itinerari possono essere affrontati singolarmente, in gruppo ed anche con l'ausilio di una guida. E' possibile effettuare le visite anche a cavallo, in carrozza, in bicicletta ed in canoa. La maggior parte del parco è occupata dai Monti dell'Uccellina che corrono paralleli alla costa, sono coperti da una fitta macchia e toccano le quote più alte in corrispondenza di Poggio Lecci con 417 metri sul livello del mare. Nella parte settentrionale (pianeggiante) troviamo invece le zone umide caratterizzate da ambienti palustri generati dalla foce del fiume Ombrone. Altro importante ecosistema è rappresentato dalla pineta situata nella Marina di Alberese, risultato del rimboschimento attuato da Leopoldo II di Lorena. Il tratto costiero è invece costituito da una successione di arenili. Il parco per merito della sua posizione geografica, nella stagione migratoria è meta prescelta da molte specie di uccelli, inoltre rappresenta un habitat naturale ideale per cavalli e bovini allo stato brado o allevati all'aperto; nell'ambiente dei pascoli inoltre vivono stabilmente la lepre e il riccio, tuttavia vi compiono le loro scorribande notturne anche la volpe, il tasso, l'istrice ed il cinghiale. Nelle zone boscose troviamo il capriolo e nelle pinete il daino. Nella zona costiera infine sono presenti diversi carnivori tra cui il gatto selvatico, la martora, la faina, la puzzola, il coniglio selvatico ecc. Il Parco della Maremma pur essendo coperto da una folta vegetazione, presenta notevoli resti di testimonianze storiche quali l'abbazia di San Rabano del XII° sec. , e le numerose torri di avvistamento, costruite per prevenire gli attacchi dei pirati saraceni che nel XV° secolo infestavano le coste tirreniche.

Terme di Saturnia (61 km)

Sono forse le terme più conosciute d’Italia, per i loro effetti benefici. La piscina e le cascate naturali sono assolutamente da provare. Intorno ci sono tanti buoni ristoranti.

Terme di Sorano (74 km)

L'acqua del tipo magnesiocalcica sgorga alle sorgenti ad una temperatura di 37,5° e le sue proprietà benefiche erano note fino dall'antichità ed oggi come allora è possibile immergervisi per bagni rilassanti in una cornice unica di rara bellezza.

Pitigliano (65 Km)

Caratteristico borgo della Maremma grossetana, unico nel suo genere per la particolarità di essere costruito interamente su di un masso tufaceo. Arrivando a Pitigliano dal mare si notano le caratteristiche case che sporgono da un grande sperone di tufo, assolutamente a strapiombo. Il caratteristico centro storico è noto come la piccola Gerusalemme[, per la storica presenza di una comunità ebraica.

Sovana (65 Km)

Conosciuta come importante centro etrusco (tomba Ildebranda), borgo medievale e rinascimentale nonché episcopale. Il centro e la vicina area archeologica sorgono nel Pianetto di Sovana, piccolo fondovalle, nel cuore dell’Area del Tufo. Oltre a ciò vanta bellezze architettoniche come la Rocca Aldobrandesca e le Mura che la circondano.

Porto Santo Stefano Porto Santo Stefano porto ercole bagni di domiziano - porto santo stefano cala grande - porto santo stefano cantoniera - porto santo stefano

costa argentario la soda - porto santo stefano le cannelle - argentario le cannelle - monte argentario capalbio tramonto a capalbio

magliano in toscana laguna di orbetello orbetello veduta aerea parco della maremma parco della maremma parco della maremma - la spiaggia

pitigliano pitigliano cascate di saturnia saturnia talamone talamone

Sito segnalato su: www.tuttomaremma.com